RIONE PIAZZA

Il Rione deve il suo nome a Piazza San Francesco, nota ai sangeminesi semplicemente come “Piazza”, centro indiscusso della vita cittadina.
La sua origine è sicuramente moderna, ma trova interessanti riferimenti dal punto di vista storico. Infatti, nelle Riformanze comunali della fine del XIV sec., si parla di due quartieri: San Gemine e San Nicolò, che prendevano il nome dalle omonime Abbazie. Successivamente, tale distinzione scomparve a favore della dizione “a parti inferiori” (la parte di sotto), presente negli statuti del 1568. Ciò avvenne, probabilmente , in seguito al notevole sviluppo urbanistico che, iniziato nel 1400, continuerà nei secoli successivi, e segnerà uno spostamento della vita economica e sociale nel nuovo borgo, contenuto entro l’odierna Porta Romana.

Pur costituendo la parte “moderna” di San Gemini, il Rione conserva importanti testimonianze del passato, come la Chiesa di San Francesco, mirabile esempio di architettura romanica; la Chiesa di Santo Gemine, dedicata al patrono; e, infine, situata nella zona extramoenia, l’Abbazia di San Nicolò, che nel medioevo fu sede della massima autorità religiosa del luogo. Lo stemma del Rione Piazza è bianco-verde con al centro una croce greca di colore nero.

Le Manifestazioni

Nell’antico Chiostro dell’ex convento di S. Francesco, come ogni anno il Rione Piazza ospita artigiani e pittori locali, che mettono in mostra le loro opere.Durante ogni festa del Patrono, un gruppo di giovani del Rione Piazza lavora per mettere in scena degli spettacoli a tema medievale, spinti dalla passione per il teatro.

Il corteo è chiuso dagli Sbandieratori di Sangemini, le cui esibizioni sono ormai celebri in tutto il mondo. La luminaria, così costituita, percorre le vie cittadine per giungere alla Chiesa di S. Gemine, ove i ceri saranno offerti al Santo Patrono.

Il Gruppo Costumi

La sartoria del Rione Piazza nasce circa 11 anni fa con l’entusiasmo di un gruppo di ragazze appassionate di storia e costume che in un anno riuscirono a coinvolgere anche un nutrito gruppo di sarte, che da quel momento si dedicarono ad arricchire la sala costumi. In questi anni è stato rinnovato tutto il parco costumi, con attenzione e cura dei particolari storici, scegliendo le stoffe più idonee, i ricami e i materiali.

Il Gruppo Tamburini “Lorenzo Caporali”

Il gruppo tamburi nasce e cresce all’interno del Rione Piazza già nel 1974 anno della Prima edizione della Giostra dell’Arme di San Gemini.
Sono moltissimi i ragazzi di San Gemini che nel corso degli anni si sono succeduti all’interno del gruppo e con il loro impegno hanno contribuito alla crescita sia musicale che stilistica del gruppo stesso. Uno di questi era Lorenzo Caporali.
Proprio in seguito alla tragica scomparsa di Lorenzo, il gruppo decide di cambiare il proprio nome dedicando PER SEMPRE la sua attività alla memoria di un amico… CIAO LOLLO!!!

Il gruppo tamburi, durante i festeggiamenti che si svolgono a San Gemini in occasione della Giostra dell’Arme, prende parte ai cortei storici scandendo e guidando con il ritmo delle proprie “marcette” il corteo del Rione Piazza, nostro rione di appartenenza.
Inoltre, negli ultimi anni, sono molto aumentate le richieste da parte di enti e associazioni che ci chiedono di prendere parte ai festeggiamenti che si svolgono in vari paesi sia limitrofi (Portaria, Casteltodino, Marmore) che lontani da San Gemini (Valtopina, Sulmona, Valfabbrica) questo ovviamente oltre a riempirci di orgoglio ci da la spinta e la forza per portare avanti il nostro progetto.

Contatti

La Festa

Dall’ultimo sabato di settembre alla seconda domenica di ottobre San Gemini rivive il clima e l’atmosfera medioevale attraverso le rievocazioni storiche in onore del Patrono Santo Gemine che cade il 9 ottobre. La città si veste dei colori delle bandiere che i due Rioni, Rocca e Piazza, affiggono alle finestre, riaprono le antiche botteghe, le mostre, le taverne con i piatti tipici

I Contatti

Ente Giostra Dell'Arme © 2019 | All rights reserved | Developed by